---------------GOOGLE--------------- ---------------GOOGLE ADS--------------- ---------------PINTEREST--------------- BING ---------------BING CONVERSION---------------

Il legno è un materiale nobile che permette tutti gli stili di arredamento, per questo ha ancora il suo posto nelle nostre case. Tuttavia, un mobile in legno non è necessariamente un mobile di qualità, e la delusione può essere scortese quando abbiamo pagato a caro prezzo un pezzo di legno che non è all’altezza delle nostre aspettative! Attenzione: come per ogni acquisto, è necessario controllare la qualità del prodotto. Ecco alcuni consigli per un acquisto di successo di mobili in legno!

Le diverse fasi della lavorazione del legno

Conoscere le basi della lavorazione del legno permette di comprendere i passaggi che hanno un impatto sulla qualità del legno e quindi il costo totale dopo la lavorazione. In parole povere, ecco le 3 fasi principali :

  • Segare: una volta che i tronchi d’albero arrivano al mulino, gli operatori procedono alla scortecciatura e al taglio. L’intero processo è completamente automatizzato. I tipi di segatura variano in base a determinati criteri, come la specie di legno e lo spessore desiderato delle fette.
  • Essiccazione : queste fette vengono poi sottoposte a preessiccazione e asciugatura. Subito dopo la segatura, il legno viene trasportato in uno spazio dedicato a questo scopo. Il legno può essere essiccato all’aria in modo tradizionale o artificialmente in un capannone di essiccazione.
  • Le finiture : Infine, il legno affettato ed essiccato viene sottoposto ad una trasformazione finale: la finitura. Il legno può poi essere levigato, spazzolato, verniciato, oliato, cerato, mordenzato… secondo la richiesta del cliente. Questa fase consiste nel rimuovere l’acqua contenuta nelle fibre di legno. Eviterà qualsiasi rigonfiamento o deformazione del materiale. Questa fase è molto importante perché farà in modo che il legno non “funzioni”!

Acquistare mobili in legno : cosa bisogna vedere

Il tipo di legno A seconda del mobile che si desidera acquistare, non tutti i tipi di legno saranno appropriati. Sappiate che la quercia, il noce, la betulla, il teak (tra gli altri!) sono legni che, una volta essiccati, sono molto duri e quindi perfetti per mobili molto esposti a colpi e graffi. Al contrario, il pino e l’abete sono legni teneri, molto resistenti agli urti. Un tavolo o un tavolo di pino si danneggia più rapidamente! Puoi infilarci un chiodo dentro e lasciare una traccia…

Il legno è diviso in diverse famiglie chiamate “specie“. Specie di legno chiaro, specie di legno per esterni, specie di legno rosso, tutte le specie sono disponibili in tronchi, blocchi o tavole per legno massiccio o tranciato per impiallacciatura.

Differenziare le specie e saper riconoscere il legno di qualità in base al suo aspetto, al durame e alla densità.

Sono le proprietà fisiche e meccaniche che permettono di distinguere tra diverse specie. Aspetto visivo, olfatto, tatto, durezza e densità – tutti i sensi sono coinvolti!

Aspetto visivo: c’è una grande varietà di colori del legno che vanno dalle specie legnose chiare ai toni del marrone e del rosso boisé. All’interno della stessa famiglia, la colorazione si differenzia in base a determinati criteri (posizione geografica, posizione nell’albero, ricchezza del terreno). Per non parlare dell’età del legno, che ha anche un impatto diretto sul colore.

Le venature e la grana sono altri due elementi che aiutano a differenziarsi. La venatura corrisponde ai disegni che si formano sulla superficie del legno. L’orientamento della venatura è diverso a seconda del taglio del legno. Infine, anche la grana, in altre parole la sua rugosità, è un fattore determinante.

  • L’odore : a volte basta riconoscere l’essenza. Nel caso del pino, ad esempio, la resina emana un profumo particolare, specifico di questo legno. Al contrario, le specie utilizzate nel settore alimentare non emanano alcun odore.
  • Il tatto : meno evidente della vista, il tatto aiuta comunque a discernere le diverse essenze. A contatto con la mano, alcune superfici sono “grasse”, “porose”, “morbide” o “gustose”.
  • Durezza e densità : ogni legno ha una particolare durezza distribuita secondo tre criteri: morbido, medio-duro e duro. La densità, cioè la densità, è l’ultimo elemento di differenziazione. Varia enormemente a seconda del tipo di legno.
  • La struttura dei mobili in legno Non è una buona idea comprare un mobile economico ma completamente traballante … Tanto vale prendere un mobile ben costruito, quindi solido, che vi seguirà per anni e resisterà alle devastazioni del tempo con brio! Per fare questo, controllare la costruzione, e bandire ad esempio qualsiasi assemblaggio fatto con semplici punti metallici. Prendetevi il tempo di controllare la stabilità del pavimento, lo scorrimento dei cassetti e la chiusura delle porte, che non devono essere né troppo allentate né troppo forti.
  • Finitura dei mobili in legno La levigatura, la colorazione e la finitura sono le ultime 3 fasi di un mobile ben rifinito. Se la carteggiatura è stata fatta male, la macchia sarà inevitabilmente applicata male e il risultato finale non sarà bello. Quindi controllate bene i piani, gli angoli e i lati dei vostri mobili: non dovreste rilevare macchie, granelli di polvere, bolle o sgocciolamenti. Dovete anche sapere che un mobile di qualità è un mobile completamente finito! Anche il retro e la parte inferiore devono essere carteggiati e macchiati (o cerati).

Acquistare mobili antichi o di seconda mano in legno : cosa si dovrebbe verificare

Se vi siete presi una cotta per vecchi mobili trovati in un mercatino delle pulci, e state pensando di restaurare e personalizzare questi mobili, ricordatevi di controllare prima di tutto la costruzione di questi mobili, perché il rapporto è lo stesso che per i nuovi acquisti: è la struttura, solida o meno, che dovrete valutare. Testate la stabilità del mobile appoggiandovi ad esso, per le sedie controllate la solidità dei telai. Controlla se il legno è sano nelle parti nascoste, sotto, dietro, in qualche cassetto…

Finché la struttura dei mobili usati è utilizzabile, tutto è possibile: i danni superficiali, come graffi e ammaccature nel legno, possono essere riparati. Colori, patine, macchie che non sono di vostro gradimento possono essere rimossi e rielaborati, se avete tempo!

Classificazione del legno per densità

La densità del legno ha un impatto sulla sua robustezza e quindi sulla sua qualità. Ogni specie ha una densità più o meno dura.

Come sono classificate le specie legnose?

Come si può vedere, diversi parametri entrano in gioco nella trasformazione del legno non appena viene abbattuto. Un buon produttore deve quindi prestare particolare attenzione ai processi coinvolti.

La scelta del legno è un secondo fattore che influenzerà notevolmente la qualità dei vostri mobili. La durezza e la densità del legno avranno un impatto sulla sua resistenza.

Esistono due misure per valutare la durezza del legno: la durezza Monnin (che varia tra <1,5 e > 9) e la durezza Brinell (che è espressa in N/mm² e varia tra 10 N/mm² e > 40 N/mm²).

Allo stesso tempo, la classe di utilizzo è un altro elemento da prendere in considerazione. Si definisce in base alla natura dell’attività e alla sua intensità.

Classificazione dei tipi di legno

Vi propongo la seguente classificazione, vi darà un’idea della densità del bosco. Le specie sono classificate dalla A alla D, dalla più leggera alla più dura:

  • Classe A: pioppo, abete, pino, ontano
  • Classe B: betulla, teak, noce
  • Classe C: quercia, frassino, olmo, acacia
  • Classe D: wengé, acacia scura, azobe
1001 CAISSES